Integrazione

La Scuola dell’Infanzia, per gli stili di comunicazione che la caratterizzano, per la flessibilità e la globalità progettuale, è il contesto favorevole per l’intervento educativo didattico dei  bambini  diversamente abili.

L’integrazione, rappresenta un importante momento di crescita  personale e umana per ogni componente della comunità scolastica. Impegna docenti, compagni e genitori nel processo di accettazione della diversità.

La Scuola opera in stretto rapporto con la famiglia e i centri specialistici territoriali e non, che si occupano dell’aspetto terapeutico/riabilitativo degli alunni.

  • I servizi specialistici hanno il compito di redigere la diagnosi funzionale che, in base alla diagnosi, delinea le capacità potenziali del bambino.
  • Dalla diagnosi funzionale, l’insegnante di sostegno con l’ insegnante di classe predispongono il Piano Educativo Individualizzato (P.E.I.).

Il P.E.I. che diventa parte integrante della programmazione, individua obiettivi specifici, metodologie didattiche utili per il loro perseguimento tenendo conto dei ritmi e tempi di apprendimento.

Gli interventi educativi didattici sono effettuati, sia nel gruppo classe  e/o nel rapporto individualizzato o di piccolo gruppo.

Nelle sezioni in cui è inserito un alunno diversamente abile, le insegnanti avranno particolare attenzione a predisporre spazi, materiali, ad individuare strategie appropriate e necessarie al pieno sviluppo delle potenzialità individuali, in funzione dell’integrazione.